Consenso all'uso dei cookie

Tu sei qui

Donne in agricoltura, tra opera lirica e trattori

29/11/2019

Dal 1960 a Castel S. Angelo l'azienda FOFFI punta su agriturismo ed allevamento. La forza delle donne.

Ai margini della pianura di San Vittorino nel comune di Castel S. Angelo, immersa nella campagna c'è l'azienda Foffi e a raccontarci la sua storia, due donne forti, sorridenti e concrete. Due generazioni di imprenditrici che oggi sono l'anima dell'attività. 

Ornella Foffi era un'adolescente quando suo padre nel 1960 arrivò in quella zona come mezzadro dopo aver cercato una “terra buona”.

Partiti da Micigliano i Foffi arrivano prima a Micciani,  dove rimangono dal 1958 al 1960,  poi cercano un appezzamento più vicino a Rieti e giungono nel 1960 a Castel S.Angelo.

“Non c'erano alberi, né viti, né frutteti – racconta Ornella -  solo papà riusciva a vedere in questa terra qualcosa di buono;  era vicina  alla strada, alla stazione che al  tempo era frequentatissima ed era ben collegata con il territorio.

Abbiamo però dovuto lavorare giorno e notte per rendere l'azienda produttiva. La nostra storia qui a Castel S.Angelo, inizia con 2 mucche ed un mulo, senza elettricità,  né acqua corrente.”

E' una storia di grandi sacrifici quella che sta raccontando Ornella.
Dal 1960 fino al 1973 l'azienda e la famiglia sono andate avanti senza elettricità, utilizzando candele e le gelide acque del Velino per refrigerare gli alimenti e le brocche di latte da 50 lt che già dal 1963 venivano consegnate alla Centrale del Latte di Rieti.

Ornella inizia a narrarci la sua vita e notiamo l'uso appropriato della lingua italiana, un ricco vocabolario che sin dagli anni settanta – ci evidenzia Ornella -  destava una certa sorpresa nel mondo agricolo.
Lei infatti, pur essendo sempre vissuta in campagna al fianco del suo papà nell'azienda zootecnica, ha ricevuto l'amore per la lettura dalla mamma. Gli occhi di Ornella fin qui vispi e perspicaci si inumidiscono al ricordo della mamma  - Mia madre faceva la governante a Roma e andava spesso al teatro e a noi cantava sempre le Arie più importanti delle Opere,  con una predilezione per Beniamino Gigli. 

Sono davvero molti e curiosi gli aneddoti in oltre mezzo secolo di vita di un'azienda che negli anni,  ha cercato di diversificare l'attività (allevamento, macelleria, agriturismo, produzione latte), coinvolgendo anche l'ultima generazione dei Foffi, Maria e Daniele, figli di Sante Foffi e fratello della “mitica” Ornella che sorride ancora,  pensando a quel 1958 quando in famiglia si riusciva a vedere una fantomatica TV 11 pollici attaccata alla batteria di una macchina!